L’iniziativa nasce con il supporto di CDP Investimenti Sgr, Regione Sardegna, Fondazione Banco di Sardegna e Confidi. 

Torre Sgr si aggiudica la gestione del fondo.

Cagliari, 15 luglio 2014 - Con il perfezionamento delle sottoscrizioni da parte degli investitori ha preso avvio il “Fondo Immobiliare per l’Housing Sociale della Regione Sardegna”, fondo immobiliare di tipo chiuso, dedicato allo sviluppo di interventi residenziali per incrementare gli alloggi sociali, così come definiti nel D.M. 22 aprile 2008, nel territorio regionale.

Obiettivo del Fondo è quello di realizzare oltre 500 nuove unità di cui più di due terzi destinate alla locazione calmierata (anche con formule di accompagnamento all’acquisto a medio termine) su tutto il territorio sardo, privilegiando le localizzazioni caratterizzate dal maggior disagio abitativo, in stretto coordinamento con gli altri strumenti di politica abitativa messi a disposizione dalla Regione Sardegna.

Le sottoscrizioni iniziali sono state raccolte da CDP Investimenti SGR (Gruppo Cassa Depositi e Prestiti attraverso il Fondo Investimenti per l’Abitare, fondo nazionale del Sistema Integrato dei Fondi di cui all’art. 11 del DPCM 16 luglio 2009, nel quale ha investito anche il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti), Regione Sardegna, Fondazione Banco di Sardegna e Confidi Sardegna.

Incaricata della gestione del Fondo è Torre Sgr, che si è aggiudicata il bando di gara promosso dalla stessa Regione Sardegna.