Il FIA2 è stato istituito da CDPI SGR il 5 dicembre 2016.

Il fondo FIA2 ha avviato l’operatività in data 21 febbraio 2017.

Tipologia: fondo d’investimento alternativo immobiliare di tipo chiuso riservato agli investitori professionali di cui all’art. 6, commi 2-quinquies e 2-sexies, del Testo Unico della Finanza e dei relativi decreti di attuazione, nonché ad investitori non professionali che possono sottoscrivere quote di fondi riservati ai sensi dell’art. 14, comma 2, del Decreto 5 marzo 2017 n. 30 del Ministero dell’Economia e delle Finanze.

Missione: investimenti immobiliari, sia diretti che tramite investimento in altri OICR immobiliari,  dedicati (i) nel settore dello smart housing, a incrementare l’offerta abitativa in locazione  e i servizi a fasce della popolazione non più in grado di investire nella proprietà abitativa o non più interessate a farlo per ragioni legate alle condizioni di vita, (ii) nel settore dello smart working, alla creazione postazioni di lavoro indipendenti e uffici in co-working per giovani professionisti freelance e aziende in fase di avvio e (iii) alla promozione dei settori della ricerca, dell’innovazione, della tecnologia , dell’istruzione e della formazione, mediante creazione o messa a disposizione di incubatori di talenti, spazi per il co-working, laboratori di innovazione autogestiti (c.d. fablab), asili nido, aule scolastiche, spazi di sperimentazione di arti e mestieri ecc..

Ammontare: 100 milioni di euro.

Durata: 30 anni, oltre eventuale proroga non superiore a 3 anni.

Ambito di azione: territorio della Repubblica italiana.

Rendimento obiettivo minimo unlevered: 2,5% oltre l’inflazione in termini di tasso interno di rendimento da mostrare in fase di acquisizione di tutte le operazioni.